Quando si parla di tende da sole Roma, si fa riferimento a più tipologie sul mercato. Difatti, ne esistono di tanti tipi diversi da scegliere in base al tipo di utilizzo che serve. Ogni tenda è più indicata per un luogo o spazio piuttosto che un altro, come spiegato nel dettaglio nella breve guida che segue.

Ad attico: una stanza in più all’aperto

La tenda da sole ad attico è una tipologia molto diffusa. Si installa partendo da un muro perimetrale di casa. spesso la si sistema sopra la porta finestra che dà sul giardino al fine di creare un prolungamento dello spazio interno. La tenda ad attico crea uno spazio ombreggiato e riparato che permette di aumentare la superfice della casa. Infatti, sfruttando al meglio lo spazio verde entrano, si crea una sorta di stanza in più da arredare con poltrone, divani, tavoli, barbecue, sdraio, giochi o come si preferisce per godersi al meglio le belle giornate estive.

A bracci: ideale per il balcone

La tenda che si usa per creare una zona d’ombra sul balcone di casa è quella a bracci. In questo caso, la tende si srotola lungo due bracci e poi si riavvolge in cima alla porta finestra del balcone. Il movimento può esser manuale ama ormai tutti lo hanno motorizzato così basta premere un pulsante per farla scendere. La protezione che fornisce è di tipo superiore e un po’ frontale. La protezione dai raggi solari permette di stare all’aperto sul balcone senza essere colpiti direttamente dal sole.

A caduta per ottenere protezione laterale

Le tende da sole Roma a caduta sono delle soluzioni particolari che hanno lo scopo di fornire una protezione laterale. A differenza delle altre, queste tende scendono verso il basso, ciò permette di oscurare una finestra ed evitare che il sole entri dentro casa. di solito, si utilizzano soluzioni di questo tipo per bloccare anche gli sguardi indiscreti e assicurare la privacy. In abbinamento a tende a bracci, quelle a caduta sono molto usate per i balconi.