Quando sei alle prese con la ristrutturazione bagno Roma, ci sono diverse soluzioni tra cui puoi trovare quella che meglio risponde alle tue esigenze. Ecco allora quali sono le 3 tipologie di pavimenti che oggi risultano le preferite per l’ambiente del bagno.

Le piastrelle

Le piastrelle restano una delle opzioni più usate per il pavimento del bagno. Oggi non si usano più piastrelle piccola ma preferisci formati di grandi dimensioni come il 60 x 6 anche se ha un costo maggiore del rispetto alle piccole piastrelle 20 x 20. Il formato migliore è quello quadrato ma puoi avere un bell’effetto anche come quelle rettangolari. Le piastrelle esagonali, molto in voga oggi, lasciale per i rivestimenti piuttosto. La posa delle piastrelle deve essere lineare per uno stile più moderno, pulito ed essenziale.

La resina

Un’opzione che può esser perfetta per te è il pavimento in resina, davvero molto bello perché ogni volta diverso per la diversa disposizione, del tutto naturale, degli elementi della resina. Questo tipo di pavimento è indicato per il bagno soprattutto se piccolo perché la sua superficie unica e senza interruzioni dà l’impressione che lo spazio sia maggiore di quello che è.

Il laminato

Il pavimento in legno no è indicato per il bagno dove c’è umidità e possono esserci perdite e di acqua che lo rovinano. Oggi però il laminato he ha una base in legno, viene trattato in modo da esser idrorepellente e impermeabile così non vien rovinato dall’acqua. Il pavimento in finto legno in bagno risulta caldo e piacevole da calpestare, anche a piedi nudi in inverno. Usare lo stesso laminato in tutta la casa ha il vantaggio di creare maggiore continuità e forse ordinando una grande quantità di un unico pavimento, potrai avere degli sconti presso il tuo fornitore per la ristrutturazione bagno Roma.

Il gres porcellanato

Infine, per la ristrutturazione bagno Roma puoi scegliere il gres porcellanato, una speciale ceramica che viene colorata e disegnata in diversi modi anche proponendo l’effetto legno.